Didomestic
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Didomestic-1
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Didomestic-2
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Didomestic-3
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Didomestic-4
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Didomestic-5
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Didomestic-6
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Didomestic-8
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Didomestic-9
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Didomestic-10
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Didomestic-11

Didomestic

Didomestic è la risposta alla necessità di spazio quando lo spazio non c’è. Lo studio di architettura Elii ha da poco ristrutturato un attico a Madrid (Spagna) dalle dimensioni davvero ridotte. L’innovazione è stata quella di trasformare l’appartamento con idee geniali all’avanguardia facendo della mancanza di metri quadri il vero punto di forza del progetto senza rinunciare al confort. Didomestic è il nome del progetto che ha come scopo principale quello di ottimizzare e organizzare al meglio lo spazio senza negare la possibilità di personalizzare la propria abitazione. (Per certi versi se mi è permesso, ricorda l’appartamento milanese di Renato Pozzetto nel celebre film “Il Ragazzo di Campagna“, commedia italiana che molti di voi ricorderanno). L’appartamento è composto da un nucleo centrale che comprende la scala, dei ripiani e delle aree per depositare oggetti con affiancata la zona cucina, mentre al piano superiore (è un loft) il soppalco ospita non solo la camera da letto ma diverse botole invisibili dalle quali specchi, armadi e ripostigli. L’innovazione progettuale di Didomestic risiede nell’aver creato degli spazi nascosti integrati sia nei muri che nei soffitti dislocati in tutto l’appartamento. Certamente basandosi sulla lezione dei Maestri (vedi Casa Schröder di Rietveld) anche le pareti scorrevoli concorrono alla forma spaziale interna modificando gli ambienti e creandone di nuovi. Ma come se non fosse abbastanza, come un mago che tira fuori un coniglio dal cilindro, ecco uscire anche quello che non ti aspetti: un’amaca e un’altalena. E’ la casa dalle mille sorprese, dove con ironia e grande senso del gusto, tutto ciò che in una casa ci dovrebbe essere, è a disposizione: nascosto da qualche parte ma c’è, basta scoprirlo. Lo studio spagnolo non vuole fermarsi al solo aspetto dell’ottimizzazione funzionale ma vuole dimostrare che un habitat domestico non è tale senza un aspetto ludico e riposante dove ciascuno di noi può ritrovare se stesso. 

Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Ostrichpillow-8
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Ostrichpillow-2
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Ostrichpillow-3
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Ostrichpillow-4
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Ostrichpillow-5
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Ostrichpillow-6
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Ostrichpillow-7
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Ostrichpillow-1

Ostrich Pillow

Ostrich Pillow è la versione più venduta del cuscino portatile lanciato da Studio Banana Things e progettato da Kawamura-GanjavianInizialmente lo studio, come per tutte le loro altre creazioni, ha lanciato il prodotto sul sito di crowdfunding Kickstarter per raccogliere fondi al fine di avviare la produzione, ma solo dopo pochi giorni hanno raggiunto l’obiettivo! Ostrich Pillow è stato ideato per offrire momenti di riposo a tutti coloro che passano la maggior parte del loro tempo in movimento lontano dal proprio giaciglio domestico: in ufficio (durante la pausa pranzo!) oppure in sale di attesa di stazioni o aeroporti. Il design è molto divertente, direi buffo. Non si può non sorridere vedendolo indossato.