Baldo
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Baldo-1

Baldo il divano gagliardo

Baldo nasce dalla necessità di creare un elemento di arredo comodo e al contempo economico e funzionale.

In case sempre meno grandi dove sono sempre di più gli oggetti dei quali ci circondiamo, avere un divano-contenitore semplice da montare, economicamente accessibile è uno dei modi più intelligenti di fare del buon design. Mentre il fronte di appoggio del pallet ben si presta come seduta, il retro dello stesso può essere paragonato ad una sorta di parete multifunzionale.

Con Baldo, si è voluto ottimizzare al massimo i vuoti offerti dalla struttura creando scaffali, cassetti, nicchie porta libri, rastrelliere. Grazie anche alla collaborazione con il Prof. Dario Albini (Atabaliba Studio), docente presso l’Istituto Europeo di Design di Milano, si è cercato di giungere ad un prodotto finale dal Design accattivante nonostante la natura “povera” del materiale: il pallet.

Baldo è in mostra al pubblico a partire da questa domenica 10 Maggio 2015 dalle 16,00 alle 20,00 presso lo Show Room di Cernusco Sul Naviglio in Piazza Repubblica 8.

Join with us!

Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Duffy-Table-7
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Duffy-Table-6
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Duffy-Table-1
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Duffy-Table-5
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Duffy-Table-4
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Duffy-Table-3
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Duffy-Table-2

Duffy Table

Per quanto la si voglia mettere, un tavolo per funzionare ha bisogno di un sostegno e spesso, tale sostegno è dato dalle cosiddette “gambe ” del tavolo.
Un a alternativa a questa monotona realtà è data dal designer Christopher Duffy dello studio londinese Duffy London con l’edizione 2015 di “UP Balloon Coffee Table”, un tavolo che sembra fluttuare leggero grazie ad una serie di palloncini posti a sorreggere la superficie in vetro. In questo caso i palloncini fungono da gambe del tavolo. Tutt’altro che noioso!

Il designer gioca e sfida le leggi di gravità e del design con l’aggiunta di stratagemmi illusori offrendo qualcosa di unico a questo pezzo di arredo.
Il tavolo è composto da un superficie in vetro, resina e acciaio. L’edizione 2015 di UP Balloon Coffee Table è disponibile in solo 25 unità e nei colori accesi del rosso, argento e oro.

Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Table-Glow-1
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Table-Glow-2
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Table-Glow-3
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Table-Glow-4
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Table-Glow-5

Table Glow

Per illuminare un tavolo di solito abbiamo bisogno di alcune candele o di una bella lampada appoggiata sul piano. Ma con Table Glow non abbiamo bisogno di luci poichè è il tavolo stesso, la fonte luminosa. Una fonte luminosa molto particolare…

Mike Warren è un artigiano ed editor del forum di “bricolage – fai da te” Instructables, ha realizzato un tavolo fatto completamente a mano che si illumina al buio grazie ad una resina fluorescente, fatta colare nelle venature naturali del legno. Mike Warren ha inoltre pubblicato un tutorial step-by-step e un video relativo al procedimento di come ha realizzato questo pezzo d’arredo innovativo seppur artigianale per permettere a chiunque di creare un tavolo simile a casa propria! Ingegnoso!

Leggi le istruzioni o guarda il video su Instructables oppure su YouTube cercando “table glow”.

Sada Bike

Sada Bike è una bici senza raggi, con le ruote pieghevoli. Tascabile a tal punto che quando la chiudi diventa grande come un ombrello: la si può infilare nello zaino, oppure portarsela dietro senza troppa fatica. L’ingegno made in Italy ha partorito un nuovo modello destinato a rendere dura la vita ai ladri di tutto il mondo.

Sada Bike, dovrebbe arrivare sul mercato già entro la fine di quest’anno 2015. A quel punto, l’ansia da lucchetto (doppio, quadruplo e a vole non basta) probabilmente resterà solo un ricordo. Merito di Gianluca Sada, 31enne ingegnere di Battipaglia (Salerno) che il 5 marzo 2010 ha depositato il brevetto presso la Camera di Commercio di Torino. Quindi ha realizzato il prototipo di questa nuova bicicletta portatile in collaborazione con le Officine Meccaniche Tonno e con l’incubatore Imprese innovative del Politecnico di Torino.

Sada Bike pesa meno di dieci chili, le ruote hanno le dimensioni di una normale bici da strada, ovvero 26 pollici. Questo permette di coprire agevolmente anche le lunghe distanze, problema che riguarda oggi le bici portatili disponibili sul mercato. Gli ingranaggi si richiudono in pochi secondi grazie al telaio a forma di forbice. Sada ha ricevuto diversi riconoscimenti, fra cui il premio “IDEA-TO” come “miglior tesi di laurea a carattere innovativo”.

Orphe

Orphe sono un nuovo e rivoluzionario paio di sneakers, con le quali è possibile compiere “evoluzioni luminose” dal fortissimo impatto suggestivo. Quello che rende Orphe un sistema intelligente e tecnologico è il funzionamento tramite un sistema di illuminazione personalizzabile come un controller audio-video o strumento musicale.

Le scarpe con luci LED non sono una novità, ciò che è innovativo è il montaggio tramite tecniche di ripresa innovative unendo queste particolari scarpe alla danza. Tale idea è stata lanciata da uno studio giapponese No New Folk Studio con una campagna per il finanziamento sulla piattaforma Indiegogo.

Ciascuna “Orphe Shoe”, contiene sensori di movimento avanzati, con circa 100 colori diversi e luci LED montate in serie controllate da tecnologia wireless che consente agli utenti di esprimersi intuitivamente in modi nuovi e interessanti a ritmo di musica. 

Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Moebius-5
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Moebius-4
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Moebius-3
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Moebius-2
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Moebius-1

Moebius

Chi ha detto che il fumetto non può essere considerato una forma di Design? Il critico francese Claude Beylie lo annoverò alla nona posizione delle discipline artistiche nel 1964. Hugo Pratt definisce il fumetto come “letteratura disegnata”, mentre Will Eisner lo definisce come “arte sequenziale”. Ora, poiché il fumetto è in larga parte utilizzato a fini narrativi e illustrativi, è spesso chiamato coerentemente “letteratura disegnata”, in quanto rientra nei canoni etici (messaggio, metafora, esempio) e in quelli estetici (descrizione, riflessione, narrazione, dialogo) della letteratura propriamente detta; vi è anche da dire, però, che il fumetto è soprattutto: disegno, segno, tratto, stile, forma!

Moebius, al secolo Jean Giraud, è considerato uno dei più importanti disegnatori di fumetti al mondo ed è noto soprattutto per le sue storie fantastiche. Apprezzando i suoi capolavori si può percepire la ricerca verso un’estasi che travalica l’essenza stessa dell’attimo e della narrazione. Le forme sono precise, delicate e anche nei casi più apparentemente “estremi”, mai volgari. Moebius sa raccontare anche l’eros e lo fa con stile. Quante volte abbiamo paragonato una Ferrari ad una bella donna? Perché il nostro corpo è armonia, simmetria delle forme, purezza. 

Il Design scava nella forma per raggiungere l’essenza della forma stessa. Moebius è Design.

Il 15 Aprile 2015 alle ore 20.45 presso la Biblioteca Civica di Brugherio, si parlerà anche di questo. Join with us!

Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-1
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-2
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-3
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-4
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-5
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-6
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-7
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-8
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-9
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-10
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-11
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-12
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-13
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-14
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-15
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-16
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-17
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-18
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-19
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-20
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-21
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-22
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-23
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Green-Bracelet-24

Green Bracelet

Green Bracelet sono bracciali in resina, all’interno della quale sono stati annegati: fiori, foglie, sabbia oppure conchiglie.

Per gli amanti della natura, del mare, della foresta ma anche per chi ama ornarsi di bracciali, orecchini e gioielli, queste creazioni tutte rigorosamente “handmade” sono un accessorio davvero originale che vi trasporterà nel verde della foresta oppure nel blu del mare . Foglie e fiori, sabbia e conchiglie sono inseriti come piccoli reperti nella resina per poi solidificarsi e dare origine a dei veri pezzi d’arte ed artigianalmente realizzati da ModernFlowerChild in Coos Bay, Oregon e disponibili sul sito Etsy.

Green Bracelet sfrutta il medesimo principio dell’ambra,  la resina fossile che spesso custodisce al proprio interno insetti oppure piccole forme di vita fossili, antichi di milioni di anni. La differenza sta ovviamente nel prezzo, Green Bracelet è molto più economico, ma chissà forse tra qualche millennio…

Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Luminose-11
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Luminose-10
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Luminose-9
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Luminose-8
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Luminose-7
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Luminose-6
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Luminose-5
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Luminose-4
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Luminose-3
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Luminose-2
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Luminose-1

Luminose

Se amate gli animali ed in particolare i cani, questo oggetto luminoso sembra perfetta per voi!
LUMINOSE è il nome di questa lampada dalle sembianze di un cane che nasce dalla “passione per il design e amore per il mondo canino” di Elizabeth Zimmerer e Márton Lente, due designer che hanno il proprio studio a Budapest.

“La storia di LUMINOSE inizia in una falegnameria. Dopo numerose ore di progettazione manuale ed artigianale, il primo prototipo è nato per diventare un oggetto luminoso, con una base in legno, dal design divertente, minimale ed adatta a tutti i tipi di ambiente, poiché funzionale e versatile.

Un pannello a LED è installato nei componenti della base in legno, così da consumare l’85% in meno di energia rispetto a una lampada da tavolo standard.
LUMINOSE è disponibile per l’acquisto direttamente sullo shop online dei progettisti.

Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Lacrima-6
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Lacrima-5
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Lacrima-4
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Lacrima-3
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Lacrima-2
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Lacrima-1

Lacrima

Il nome di questa seduta è un riferimento al suo aspetto ma anche alla sua composizione, essendo realizzata per assomigliare ad una grande goccia di una lacrima, contenente 64 litri di acqua (o lacrime), circa la quantità di lacrime stimata che l’uomo medio versa nel corso della propria vita.

TEAR DROP CHAIR (lacrima) è stato realizzato dal designer giapponese Keita Suzuki dello studio di design Product Design Center e prodotto da NHK Educational TV.

L’esperienza di essere seduti sull’acqua è qualcosa che può succedere raramente (o solo in sogno o per un miracolo) motivo per cui questa seduta semplicissima per forma e design è qualcosa di divertente e fuori dal comune, soprattutto per l’idea, un pezzo d’arredo neutro che può essere inserito in qualsiasi ambiente di una casa o di un ufficio, per i più grandi ma anche per i più piccoli.

Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Laser-Rings-Cut-6
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Laser-Rings-Cut-5
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Laser-Rings-Cut-4
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Laser-Rings-Cut-3
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Laser-Rings-Cut-2
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Laser-Rings-Cut-1

Laser Rings Cut

Cibo da indossare come dei gioielli, piccoli dessert o frutti colorati e dalle graziose forme che brillano e sono perfetti da mettere al dito!

Ora, con questo progetto chiamato Laser Rings Cut ideato da TourDeFork, studio di consulenza creativa nel settore culinario, in collaborazione con la rivista italiana CasaFacile per la loro più recente colonna ‘The Future of DIY (Il futuro del fai da te), è possibile.

La serie è composta da cinque anelli creati con stampa tridimensionale, taglio al laser e tecnologia CNC per disegnare gioielli personalizzati e personalizzabili facili ed accessibili, che possono essere scaricati gratuitamente dal sito web della rivista per trasformarsi in oggetti reali. Gli anelli possono essere decorati con dolci, frutta o qualsiasi altra deliziosa meraviglia. Il cibo è pronto per essere mangiato e goduto, senza sprechi!