Cibo 3D
Davide-Mori-Architettura-Design-Cibo 3d-1
Davide-Mori-Architettura-Design-Cibo 3d-2
Davide-Mori-Architettura-Design-Cibo 3d-3
Davide-Mori-Architettura-Design-Cibo 3d-4
Davide-Mori-Architettura-Design-Cibo 3d-5
Davide-Mori-Architettura-Design-Cibo 3d-6
Davide-Mori-Architettura-Design-Cibo 3d-7
Davide-Mori-Architettura-Design-Cibo 3d-8
Davide-Mori-Architettura-Design-Cibo 3d-9
Davide-Mori-Architettura-Design-Cibo 3d-10

Cibo 3D

Cibo 3D, ma cosa significa? E’ ovvio che il cibo sia tridimensionale ma non è altrettanto scontato che possa essere stampato con una delle stampanti di ultima generazione! Quindi il cibo del futuro potrà essere stampato da una stampante 3D. Sì, avete sentito bene, e il primo concept di questo tipo è ‘Edible Growth’ (crescita commestibile), un progetto realizzato dalla food designer di Eindhoven Chloé Rutzerveld in collaborazione con la società di ricerca TNO.

Questa idea è nata in parte come forma di ‘critica’, al fine di dimostrare che il cibo prodotto con processi di alta tecnologia o cibo di laboratorio non necessariamente devono essere ‘non sani’, innaturali e non gustosi, anzi il contrario è possibile unire e combinare alimentazione sostenibile e sana con gli aspetti della natura, della scienza e della tecnologia.

Per scoprire di più, nel coso ve lo trovaste un domani nel piatto: www.chloerutzerveld.com