Jellyfish House
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Jellyfish-House-1
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Jellyfish-House-2
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Jellyfish-House-3
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Jellyfish-House-4
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Jellyfish-House-5
Davide-Mori-Architettura-Design-Articoli-Jellyfish-House-6

Jellyfish House

Jellyfish House è situata a Marbella, sulla costa mediterranea della Spagna, progetto dello studio Wiel Arets Architects. La piscina a sbalzo collocata sul tetto della casa fa in modo che la spiaggia e il mare possono sempre essere visti mentre si prende il sole oppure si nuota. La casa è organizzata attorno a due percorsi: uno “veloce” ed uno più  “lento”, che si intrecciano e attraversano i quattro livelli della casa. La scala “veloce” porta dall’esterno direttamente al tetto; è racchiuso in vetro, che separa fisicamente dall’interno della casa, ma è allo stesso tempo aperto. La scala “lenta”, si estende per tutta la lunghezza della casa, dal piano terra dove si trova l’ingresso principale, fino al tetto. E’ chiusa, ma aperta anche agli elementi esterni, amplificando ulteriormente il concetto di interiorità della casa.

La piscina

La piscina sul tetto è a sbalzo, con una luce di ben 9 m orientata verso la catena montuosa della Sierra Blanca che si intravede in lontananza, e pesa circa 60.000 kg. Dotata di un sfioro, la sua acqua si fonde con il mare in lontananza. Questa piscina ha un pavimento con fondo di vetro e una finestra panoramica sul bordo interno di fronte, entrambi hanno uno spessore di ben 6 cm. Chi si trova in cucina ha un punto di vista voyeuristico su chi nuota in vasca, mentre una terza finestra permette sempre dalla cucina, uno scorcio sul soggiorno, la cui terrazza si estende sotto la piscina a sbalzo. Il bruciante sole spagnolo costantemente filtra attraverso la parete di vetro della piscina, creando increspature di riflessi turchesi cangianti in tutta la casa. Come tale, la piscina può essere vista e vissuta da quasi tutte le aree della casa. 

Le camere

Cinque camere da letto in tutta la casa, più altre due camere da letto situate al piano seminterrato che si affacciano verso l’esterno su un ampio terrazzo privato ad uso esclusivo degli ospiti. Come la scala “lenta” conduce dall’entrata principale verso le camere da letto al piano seminterrato, questa zona della casa è in grado di funzionare come entità separata. Al primo piano troviamo la sauna e il bagno turco. Un piccolo ascensore di servizio consente anche, per esempio, di portare cibo e bevande dalla cucina, fino alla piscina panoramica con terrazza. Questa terrazza sul tetto dispone di un tavolo in cemento di grandi dimensioni e design personalizzato con una panca adiacente, che è contigua a una sedia angolare per adagiarsi mentre si prende il sole.

La struttura

La struttura della casa è composta da calcestruzzo bianco, sostenuto da un pilastro sul lato destro posteriore della piscina, e da altri pilastri più piccoli vicino alla terrazza posteriore. Tutte le pareti che non sono di cemento sono state costruite in vetro, permettendo alla luce del sole di permeare la casa. Pannelli pieghevoli in vetro traslucido adiacenti ad ogni sala permettono di espandere numerose aree della casa quasi raddoppiando le loro dimensioni.

Tutte le apparecchiature audio e video sono incassate nei soffitti e pareti. Il sistema di illuminazione porta luce a tutti i corridoi e alle scale, così come sott’acqua all’interno della piscina, garantendo gli effetti increspatura dei suoi riflessi anche durante la notte. Traendo il massimo vantaggio dal sempre presente sole spagnolo, la Jellyfish House è una espressione d’avanguardia di vita lussuosa.