Camera Bambini
Davide-Mori-Architettura-Design-Camera Bambini-5
Davide-Mori-Architettura-Design-Camera Bambini-4
Davide-Mori-Architettura-Design-Camera Bambini-8
Davide-Mori-Architettura-Design-Camera Bambini-2
Davide-Mori-Architettura-Design-Camera Bambini-3
Davide-Mori-Architettura-Design-Camera Bambini-7
Davide-Mori-Architettura-Design-Camera Bambini-6

Camera Bambini

Si parla spesso di come arredare la camera bambini, seguendo design e moda in fatto di arredo.

Ma ci sono soluzioni progettuali fondamentali, nell’organizzazione degli spazi, che rendono la vita dei bimbi molto più facile e divertente, oltre che creare ambienti adatti ad uno sviluppo del loro carattere.

Avrete sicuramente sentito parlare, anche di sfuggita, di Maria Montessori, un’educatrice e pedagogista italiana vissuta a cavallo dell’inizio del ‘900. Uno dei suoi argomenti principali propugnati è stato appunto l’organizzazione e la progettazione degli ambienti destinati ai bambini, visti in primis, come luoghi formativi anche caratteriali.

Innanzitutto la Montessori riteneva che la casa non dovrebbe essere per i bambini, ma dei bambini. Ovvero, non organizzata per il loro arrivo, ma strutturata fin dall’origine come se fosse loro.

Questo risulta oggi impossibile il più delle voltealmeno per quanto riguarda l’organizzazione intera dell’abitazione. Ma si può fare qualcosa e lavorare degnamente almeno sulla parte più destinata a loro, per poi andare a fare piccole modifiche, aggiunte o sottrazioni, nel resto della casa, a seconda anche dell’età del bimbo.

Perché una camera bambini sia a misura di bambino è necessario ripensare il  tutto con un’ottica che va al di là dell’aspetto prettamente ludico o di design.

Oltre ad evitare in primis che si faccia male, la priorità assoluta è la massima libertà che il bimbo deve avere. Punto fondamentale questo, nell’ambito dello sviluppo della creatività, poiché, anche attraverso l’ambiente in cui vive e lo circonda, assorbe informazioni e input per crescere.

Ma libertà, in fatto di arredo in che cosa si traduce? Significa ripensare arredo e oggetti in base alle possibilità dei bambini. Ovvero, complementi in miniatura, posizionati ad hoc in base all’altezza, magari riposizionabili. Anche qui all’insegna del colore, purché ricreino un ambiente ergonomico e simile al nostro.

Fondamentale luso di un tappetosoprattutto per i più piccoli, dove potersi rotolare e sperimentare esercizi a corpo libero e l’utilizzo di contenitori di stoccaggio per giocattoli e attrezzature per il disegno.