Casaottantuno
Davide-Mori-Architettura-Design-Residenziale-Casaottantuno-Contest-Progetto-1
Davide-Mori-Architettura-Design-Residenziale-Casaottantuno-Contest-Progetto-2
Davide-Mori-Architettura-Design-Residenziale-Casaottantuno-Contest-Progetto-3
Davide-Mori-Architettura-Design-Residenziale-Casaottantuno-Contest-Progetto-4
Davide-Mori-Architettura-Design-Residenziale-Casaottantuno-Contest-Progetto-5
Davide-Mori-Architettura-Design-Residenziale-Casaottantuno-Contest-Progetto-6
Davide-Mori-Architettura-Design-Residenziale-Casaottantuno-Contest-Progetto-7
Davide-Mori-Architettura-Design-Residenziale-Casaottantuno-Contest-Progetto-8

Il progetto casaottantuno è il frutto della collaborazione tra quattro giovani professionisti accomunati da una straordinaria passione per l’architettura: Davide Mori, Mariangela Nepoti, Chiara Nicora e Francesco Perlini.

Obiettivo progettuale

L’obiettivo fondante di casaottantuno è la realizzazione di un edificio residenziale modulare ad un piano, sfruttando le tecnologie costruttive Plastbau. L’attenta analisi delle esigenze sia della committenza sia dell’utenza finale hanno guidato le scelte progettuali. In particolare la scelta dei materiali nella vasta gamma di prodotti della Plastbau è stata guidata non solo per la realizzazione della struttura portante, ma anche nella definizione di ogni elemento verticale e orizzontale che costituisce il progetto. L’attenzione alle esigenze dell’utenza finale hanno guidato le scelte relative alla distribuzione planimetrica, ricordando le necessità di una famiglia tipo costituita da una giovane coppia con due figli piccoli. Il modulo studiato permette la realizzazione di complessi residenziali articolati. Infatti si può comporre sia per realizzare un complesso a corte sia per occupare lotti dalle dimensioni longitudinali pronunciate. Può essere aggregato senza alcuna complicazione sia in verticale sia in orizzontale al fine di creare soluzioni che dialoghino con l’ambiente costruito. Altro obiettivo imprescindibile nel contesto attuale del mondo delle costruzioni è l’attenzione nella progettazione, nell’esecuzione e nella gestione dell’edificio alla sostenibilità ambientale.

Progetto casaottantuno

“La struttura è generatrice di luce. Un edificio quadrato è costruito secondo il quadrato e la luce deve dare evidenza a questo quadrato.” Louis Kahn

La forma geometrica del quadrato ha guidato lo sviluppo del progetto casaottantuno dal punto di vista planimetrico. Il modulo base è infatti il risultato dell’intersezione di due quadrati di 9 metri di lato. La pianta poligonale che ne deriva evidenzia chiaramente la distinzione tra due zone. La zona giorno, che occupa interamente un quadrato, è caratterizzata dalla presenza di un setto portante che divide funzionalmente lo spazio del soggiorno e della cucina. Un pannello scorrevole a tutta altezza identifica l’accesso alla zona notte. La zona notte accoglie due camere e due bagni. La camera matrimoniale ha l’accesso diretto ad un bagno attraverso un anti bagno che può svolgere la funzione di cabina armadio. Le finestre giocano un ruolo fondamentale. La zona giorno è caratterizzata dalla presenza di una vetrata a tutta altezza che si sviluppa per tutta la lunghezza di un lato del quadrato e permette l’accesso ad una loggia, naturale proseguimento dell’ambiente interno verso l’ambiente esterno. La presenza di un parapetto in vetro stratificato garantisce la sicurezza della loggia. Le aperture delle camere sono ugualmente realizzate a tutta altezza, ma sono arretrate rispetto al filo facciata. L’ingresso all’abitazione avviene attraverso una loggia vetrata ricavata all’interno del perimetro del quadrato generatore della forma planimetrica. Le facciate esterne si presentano intonacate di bianco. Due sono caratterizzate dalla presenza di ampie vetrate e due invece sono completamente cieche al fine di permettere la componibilità del modulo. Il sistema delle aperture abbinato a una struttura massiccia permette di realizzare un “guscio” abitato.

Sistema strutturale

La struttura di casaottantuno è composta da setti portanti verticali che sorreggono solette di luce netta pari a  4,50 metri. Le aperture sono presidiate da IPE 160 interamente annegate nello spessore del solaio. La loggia della zona giorno ripete la tessitura interna con appoggi tra i setti e una IPE 160 a sbalzo annegata nella soletta. I setti verticali sono di due tipi differenti. I setti perimetrali esterni sono del tipo Plastbau 3 con la seguente stratigrafia (dall’interno verso l’esterno): 5 cm di lastra in EPS, 25 cm di getto in calcestruzzo, 10 cm di lastra in EPS. I setti interni sono del tipo Plastbau 3 con la seguente stratigrafia: 5 cm di lastra in EPS, 25 cm di getto in calcestruzzo, 5 cm di lastra in EPS. La soletta è costituita da elementi Plastbau Metal tipo 15/7 – altezza del travetto 15 cm; spessore della soletta 4 cm; altezza totale 26 cm.

Serramenti

I serramenti sono realizzati con telaio in alluminio a taglio termico. Il tipo di vetrata è una vetrocamera 4-15-4 bassoemissivo con kripton come gas di riempimento al fine di ottenere una trasmittanza termica pari a 1,0 W/(m²K).

Sistema oscurante

Tende avvolgibili montate su rulli a soffitto svolgono la funzione di sistema oscurante. Il meccanismo non è visibile dall’esterno in quanto il suo spessore è inferiore a quello dell’antistante serramento.

Copertura

La copertura di casaottantuno è trattata in due modi differenti: una porzione è dedicata all’installazione di pannelli fotovoltaici, l’altra è trattata a verde. La parte di copertura verde prevede l’inserimento di verde estensivo poiché richiede una minore manutenzione e garantisce in questo modo minori costi di gestione. Le specie vegetative utilizzate sono piante perenni ed erbacee. Il verde pensile presenta numerosi vantaggi, non solo dal punto di vista estetico, ma anche funzionale ed economico. Attraverso il suo impiego si ha come una ricostituzione del verde occupato dall’edificazione ed i fattori positivi derivanti vanno oltre le implicazioni psicologiche.

Sistema impiantistico

L’impianto di riscaldamento è a pannelli radianti isolati annegati a pavimento disaccoppiati termicamente. Una pompa di calore aria-acqua alimentata elettricamente permette il funzionamento degli stessi oltre che la produzione di acqua calda sanitaria. Tale pompa di calore è collegata all’impianto fotovoltaico, che ne garantisce parte del funzionamento. I pannelli fotovoltaici, installati in copertura, consentono la produzione di energia elettrica per uso civile. La tipologia prescelta è quella del silicio policristallino ad elevato rendimento. La copertura permette di installare fino a 36 m² di pannelli fotovoltaici: in questo modo si potrebbero rendere elettricamente indipendenti almeno sei appartamenti tipo.

sostenibilità ambientale

L’attenzione alla sostenibilità ambientale, per casaottantuno, gioca un ruolo decisivo e fondante nelle scelte progettuali. Le strategie messe in atto sia dal punto di vista costruttivo sia da quello impiantistico, come descritto nel precedente paragrafo, hanno permesso all’edificio di rientrare in classe A secondo la procedura Cened per la Regione Lombardia. In particolare, alcune scelte tecniche hanno concorso al raggiungimento di tale obiettivo:

  • le chiusure orizzontali e verticali opache
  • l’impianto di riscaldamento;
  • due differenti trattamenti della copertura.

Inoltre, prevedendo l’installazione di un sistema di ventilazione controllata a doppio flusso con recuperatore entalpico ad elevata efficienza, funzionante con pompa di calore, si potrebbe ottenere agevolmente la classe A+.