Ikea Hacking
Davide-Mori-Architettura-Design-Light-Ikea-Hacking-10
Davide-Mori-Architettura-Design-Light-Ikea-Hacking-6
Davide-Mori-Architettura-Design-Light-Ikea-Hacking-5
Davide-Mori-Architettura-Design-Light-Ikea-Hacking-4

Ikea Hacking

Ikea Hacking è una cosa divertentissima. Ikea Hacking significa inventare, vuole dire prendere un oggetto e cambiarlo. Cambiarlo fisicamente, oppure cambiarlo nella sua destinazione d’uso. Il vantaggio dei prodotti Ikea è palese: costano poco. Questo permette maggiore libertà sulla scelta dei possibili “componenti”. Come spesso capita, quando si effettua un trasloco, non tutti gli oggetti trovano nuova collocazione. Quale soluzione? Buttarli oppure ricrearli? Sul web si trova un interessante blog “Ikea Hackers” dove tutti gli utenti possono condividere le proprie creazioni ottenute modificando armadi, scarpiere, tavoli, mobili, sedie ecc…ecc… tutto rigorosamente partendo da un elemento della nota casa svedese.

Lekman e la luce

La libreria Expedit di Ikea è uno degli arredi di maggiore successo. Basti pensare che quando, qualche anno fa, la casa svedese aveva deciso di ritirarlo dal mercato sostituendolo con un altro modello, gli utenti hanno esaurito le scorte nei magazzini e scrivendo numerose lettere alla casa madre. Risultato? Expedit ha cambiato solo nome: Kallax. Per questa libreria ci sono anche diversi accessori per i suoi ampi scomparti, uno fra questi è il contenitore semi-trasparente cubico: Lekman. Un elemento interessante, un capiente contenitore, ma senza la sua libreria aveva perso gran parte del proprio scopo. Con una semplice tavola di legno, tagliata sul formato del contenitore, è stato creato un ottimo mobile contenitore utile anche come appoggio e seduta. Grazie, inoltre, alla sua trasparenza inserendo una fonte luminosa al suo interno diventa un ottimo accessorio di arredo sia per il soggiorno ma anche per la camera da letto. 

Förvar e la luce

Fin dal primo momento che l’ho visto Förvar mi dava l’impressione di essere tutto, tranne un contenitore. La possibilità di ruotarlo, girarlo, cambiargli continuamente posizione lo rendeva troppo particolare per metterci dentro dei semplici biscotti. La sua forma bombata, curiosa, insolitamente interessante, meritava altro: luce. Realizzando un semplice foro sul coperchio in plastica, utile per il filo, la lampada è già fatta. Si è liberi di scegliere la lunghezza del cavo, se applicare un interruttore o meno. Un semplice foro e la lampada è pronta all’uso.