Mondrian
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-20
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-19
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-18
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-17
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-16
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-14
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-13
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-12
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-11
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-10
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-9
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-8
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-7
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-6
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-5
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-4
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-3
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-2
Davide-Mori-Architettura-Design-Mondrian-1

Mondrian

Trovo la forma quadrata, semplice e regolare; facile da scomporre, modulare e ricomporre al fine di ottenere molteplici combinazioni. Proprio per questo motivo è ottimale per la progettazione di arredo.

I quadri di Piet Mondrian dimostrano una complessità che smentisce la loro apparente semplicità. I quadri “non rappresentativi”, per cui è conosciuto e che consistono in linee perpendicolari e campiture di colore geometriche in colori primari (rosso, giallo, blu) col bianco, il nero o il grigio, sono in effetti il risultato di una continua ricerca di equilibrio e perfezione formale, evoluta stilisticamente nel corso di tutta la sua vita. 

L’idea di coniugare la ricerca artistica di un grande pittore europeo della prima metà del Novecento con quella di una serie di arredi che prendessero forma proprio dalla sua ricerca stilistica è stato lo scopo di questo progetto. Trasporre un’opera bidimensionale portandola nella terza dimensione, cercando di conservare lo stesso equilibrio cromatico e bilanciamento formale senza cadere nel tranello della futilità di stile.